lunedì 14 dicembre 2015

[Haul] Acquistare su Douglas.it + il mio ordine (Zoeva & Wet 'n Wild)

Bazzicavo come al solito la homepage di Facebook alla ricerca del senso dell'esistenza o dell'ennesimo motivo per denigrare l'umanità, quando ecco apparire una segnalazione della Dea dello Shopping, entità benevola e malevola al tempo stesso che istiga alla spendita di moneta per consentire all'economia di girare e a noi poveri umani di spaccarci la schiena desiderando coseinutili.

Dicevo, ecco la segnalazione: un buono del valore di 20 euro da spendere sul sito online delle profumerie Douglas oppure in negozio.
Prezzo 10 euro, su Groupon.
Fatto sta che avevo proprio una decina di euro di credito Groupon che non sapevo come spendere, quindi, nell'indecisione tra una Pizza Sfondamento (All You Can Eat) e un Kg di pasticceria mignon vegana da andare a ritirare a Caltanissetta, ho pensato che 20 euro da spendere su Douglas non erano affatto male.


Ho scelto il buono da spendere online e non in profumeria per due imprescindibili motivi
1) La profumeria Douglas più vicina è a quasi 50 km di distanza
2) La suddetta è assolutamente priva dell'assortimento che vanta il sito internet (a tal proposito, cara Douglas, perchè non allineare i marchi online con quelli in store?!).

Curiosità: per chi non lo sapesse, Douglas in Germania (dove sono stata alcuni mesi e spesso torno a trovare una cara amica) è essenzialmente l'equivalente delle nostre Sephora, che lì non ci sono; alcuni Store hanno marchi come Urban Decay, Mac, Bobbi Brown, Benefit e Brow Bar, Nyx, Zoeva e molto altro. Un paradiso. O un girone infernale, dipende da quanto i vostri soldi siano attratti da certe cose (i miei parecchio).

Ovviamente, il passo successivo all'acquisto del buono è stato: "Per i Capelli di Nonna Belarda, cosa cavolo compro?!"

lunedì 7 dicembre 2015

[Makeup] There Would Be No Butterflies ~ Mac Application by Moreno Salerno (feat. Foffyland)

"If nothing ever changed,
there would be no Butterflies"
~ Unknown

"Io e Fabiana di Foffyland abbiamo conosciuto questo giovane Make Up Artist tramite Misato di A lost girl, restando incantate di fronte alla sua bravura. Così siamo andate appositamente a Roma per poterci trasformare sotto le sue mani d'oro".

Detta così, suona molto "Totò, Peppino e la malafemmina" con me e Foffy in stile Fratelli Caponi.

Arrivate a Roma
Faceva caldo overament!
Beh gente, in effetti lo è, se non fosse ci siamo risparmiate il "per andare dove dobbiamo andare" grazie alla meravigliosa compagnia e alle belle persone che ci hanno fatto da Cicerone nella città Eterna e che cito ora, subito, in apertura e in ordine di apparizione, solo per dir loro GRAZIE per aver reso questi due giorni davvero inestimabili. 
Non mi dilungo, voi sapete, e se non sapete ve lo farò sapere io (Gomorra style).

Oltre alla giUoia inesplicabile di aver avuto Foffy come compagna di viaggio, grazie di cuore a Misato, Alessia, Annalisa, Raffaella, Annamaria, Giulia, Mario.
E ovviamente al Make Up Artist dei Miracoli, Moreno Salerno del Mac Pro Store di Via del Corso: perché averci spinto fino a Roma è stato un tragitto ripagato con un look che definire fenomenale è dir (molto) poco.

Mac Pro Store "Via del Corso"
Per chi non lo sapesse i M·A·C Store offrono la possibilità di essere truccati e affiancati da un professionista per quella che si rivela essere una vera a propria  "lezione" di makeup stante la cura individuale nella creazione del look.

domenica 29 novembre 2015

Wham! Bam! VIVA GLAM! – Fate loves the Fearless (MAC Cosmetics Viva Glam Miley Cyrus 1 look) #ItalylovesVivaGlam

Il 1 dicembre è vicino ed è una data importante, perché vi ricade ogni anno la giornata mondiale per la lotta all'AIDS, un evento che cerca di sensibilizzare in maniera particolare le persone circa un male che negli ultimi 30 anni ha causato milioni di morti e ha rovinato la vita di troppe persone. 
Da due decenni MAC Cosmetics è impegnata attivamente attraverso il MAC Aids Fund nel supporto delle persone che hanno contratto il virus hiv e ha creato il programma Viva Glam: vende cioè rossetti e gloss (alcuni permanenti, altri in limited edition che sono in giro per un anno) il cui ricavato va tutto (meno l'iva, in Italia, purtroppo) in una serie di programmi per aiutare chi vive tale realtà tutti i giorni sulla propria pelle.

A noi piace tanto quest'idea e quando ci siamo rese conto che eravamo in un po' di persone ad avere acquistato i Viva Glam 2015 con testimonial Miley Cyrus (sono due!) abbiamo deciso di unirci e... farvi vedere come li indossiamo, darvi uno spunto su come il nostro contributo è poi diventato parte della nostra quotidianità di persone qualsiasi a cui a volte viene anche chiesto: "che rossetto indossi?" e hanno la possibilità di spiegare che si tratta di qualcosa di speciale.

Questo post nasce in collaborazione con Ariel di Ariel Make up, Darkness di The taste of Ink, Foffy di Foffyland, Claudia di Ava's World, Misato di A lost girl (Loves Make up), Tizy di Forzatamente esiliata e Miki di Miki in the Pinkland e se volete chiama in causa anche voi!
Dopo averlo letto (e lasciato un commento, ci farebbe tanto piacere! XD) potete unirvi alla festa, pubblicandone uno a vostra volta (se avete anche voi un blog o un canale youtube!) oppure anche sui social (Facebook, Twitter, Instagram, Tsu vanno benissimo!): usate l'hashtag #ItalylovesVivaGlam e mostrateci i vostri Viva Glam e come li indossate! ^_-
Tutti i makeup saranno raccolti in questa bacheca Pinterest, basta contattare Claudia!


Fate loves the fearless
~ James Russell Lowell



Brace Yourself, quello di oggi è un post inedito, inatteso, nonostante una parte di me sia sempre stata convinta che prima o poi sarebbe accaduta una cosa del genere. Non nascondo una certa "ansia" da prestazione che potrebbe portarmi a cancellare tutto non appena il post sarà online.
Tuttavia, temo che ciò non sarà possibile per un semplice motivo: sono in compagnia di altre blogger e amiche che non posso far sfigurare scappando a gambe levate. 
In realtà DEVO sentirmi fearless, perché l'essenza di questo post nasce da un'iniziativa che del "senza paura" ha fatto un suo vessillo.

Mi riferisco alla Campagna "Viva Glam" di Mac Cosmetics di cui molti conoscono i prodotti, pochi la filosofia e la storia alle spalle. D'altronde, siamo qui per questo no? E quale migliore occasione se non quella della Giornata Mondiale contro l'AIDS indetta il 1° dicembre?!
Informazione e prevenzione, i pilastri su cui far germogliare la nostra consapevolezza. 

domenica 18 ottobre 2015

[TAG] SEMPTEMBER MOST PLAYED + HAPPY BIRTHDAY DOLLSANDBUTTERFLIES

Avevo programmato tutto. 
Un Festone che i vicini (età media 67 anni) avrebbero cacciato dalla naftalina le giacche di pelle e la cinta El Charro. 
Che le colonie feline del circondario avrebbero suonato "Tutti quanti voglion' fare il Jazz".
Una folla che neppure a Piazza del Plebiscito se avessero regalato pizze di Sorbillo.
Sto parlando del primo compleanno di Dolls&Butterflies, ovviamente.




Per l'evento era prevista una nuova veste fantasmagorica, un omaggio al primo post con cui ho deliziato le vostre pupille e anche qualcosa di materiale, suvvia, che fa sempre piacere.
E invece, porca polpetta, non c'è stato nulla di tutto ciò.

lunedì 14 settembre 2015

[Haul] Shopping e Autoregali Birthday Edition (Kiko, Wycon, Alkemilla, Weleda, Neve Cosmetics, Accessorize)

Oh September. 
Fine del mio letargo, certo, anche se per le foglie ingiallite, i primi tè bollenti, il cioccolato alla giusta temperatura, il plaid, le copertine di notte e tutti gli ammennicoli autunnali, ci vorrà ancora un pochino.
Soprattutto qui al Sud, dove sembra voglia replicare l'anno scorso: una sorta di pseudoestate prolungatasi fino a dicembre.
Non ci sono più le mezze stagioni.
Le mie più sincere imprecazioni.

In tutto questo, le cose iniziano però ad assumere i contorni di un nuovo anno (che c'è?! Lo sanno tutti che l'anno inizia a settembre!).
Gli impegni si ammassano l'uno sul'altro, imprevedibili come gli outfit sobri di Kim Kardashian, e seppur io ci provi continuo a sembrare una latitante piuttosto che la pseudoblogger che avrei voluto essere.

Come avete passato l'estate? 
La domanda impazza in ogni bar, club privato, ufficio, scuola, pianeta, programma televisivo, palestra, solarium (aka centri di non recupero per fissati dell'abbronzatura perenne).
Non si sfugge.
A me dicono direttamente "Vedo che quest'anno niente mare".
"Ci vedi bene".



Per l'appunto, io ero qui a sperare che l'estate passasse in fretta, riempiendomi nel frattempo casa di acquisti beneaugurali per il mio trascorso compleanno.
Il fatto che questi autoregali fossero iniziati due mesi prima della data fatidica è un dettaglio irrilevante.
Ecco l'idea geniale: sono più del solito, perché non riempirne un post a questo punto? 
Soprattutto memori dell'Haul di Giugno e delle scioccanti rilevazioni circa la mia qualifica di Impicciona patentata guardona di carrelli.
Bene, a tutte le impiccione all'ascolto, ecco gli acquisti July/August.

giovedì 6 agosto 2015

[Review] Labo Pure Flower - Rossetto Durata Brillante 02 Old Rose & 04 Fire Red

Circe, Caronte, Mefistofele, la Zia Pina...
Personaggi che infestano la nostra quotidianità estiva, gli araldi del tempo atmosferico, l'argomento cult, quello che ti salva dai momenti imbarazzanti che tipo "Ora arriva Circe" e io penso "Che stavo diventando un porcello me n'ero già accorta, però credo sia colpa dei Gelati".
In questo girone infernale fatto di banalità che scomodano figure mitologiche o pseudo tali (anche tu hai la tua Zia Pina che ti perseguita, lo sappiamo tutti) emergo io con tutta la mia essenza anti-estate perché è il momento di parlare di rossetti (wow, argomento inedito eh?).

A giugno sono stata contattata dal gentilissimo Umberto per conto di Labo Suisse, marchio che probabilmente i più conosceranno per la linea di prodotti Crescina dedicata ai wannabe capelloni.
Forse in pochi sanno che l'azienda Svizzera ha ampliato notevolmente la propria gamma inserendovi anche una line-up tutta dedicata al make-up
Ciò che mi ha maggiormente colpita della sezione truccosità di Labo è stata l'innovazione che caratterizza ogni referenza, ossia il cercare nella maggior parte dei casi di unire le caratteristiche classiche di un prodotto con prestazioni particolari, indubbiamente un tocco personale molto interessante.



Ho ricevuto alcuni prodotti della collezione primaverile proposta da Labo lo scorso anno, la Pure Flower che, come si intuisce dal nome, trae ispirazione dai fiori "non semplicemente perché i fiori sono il simbolo della primavera o perché richiamano immediatamente alla mente i colori più belli della natura, ma perché sono preziosi anche per le loro proprietà benefiche" come spiega l'azienda.
Sono infatti gli estratti botanici presenti nella formulazione dei prodotti a renderli speciali per il benessere cutaneo.

lunedì 13 luglio 2015

[Haul] Shopping da Tiger, Biofficina Toscana, Kiko, Wycon, Lush & More

Embè.
Dopo aver scritto un biglietto che i posteri avrebbero trovato sotto le mie ceneri, mi sono affacciata alla finestra per ammirare l'eruzione vulcanica imminente.
Che sembra non esserci.
Sembra tutto normale a parte i marmocchi dei vicini che alla domanda della madre "Volete un Gelato?!" rispondono con un "Sssiiii" di petto da finale dei Mondiali.
Ah, giusto, dimenticavo, il Caldo Infernale.
Il peggior nemico di una Regina dei Ghiacci come me.
Difatti, mi sono beccata l'ennesimo malanno estivo, malesseri che durante l'anno non mi sognerei neppure.
Al massimo in inverno un raffreddore, il moccio che cola, in estate invece libero sfogo alla fantasia (tipo, di solito digerisci pure i macigni?! Teh, botta di calore e dolori addominali per te Baby!).
Nonostante io sia nata in questa stagione (ma evidentemente concepita in un'altra) c'è tra noi un'incompatibilità genetica, aggravata dalla regione in cui risiedo.
L'unico anno che ho scampato il malessere è stato il 2014, quando ero in Germania. 
Il clima era assai variabile ma tendenzialmente fresco (serate con la copertina, mi mancate) ed anche se spesso e volentieri mi ritrovavo a tornare a casa a piedi sotto la pioggia (un giorno si, l'altro pure), niente, nisba, la salute fatta persona.
Per converso, quella è stata l'unica estate in cui qui nel Sud Italia si è registrato un periodo di freddo e piogge
Karma is a bitch.



Ebbene, ero qui che allevavo Pokemon di Tipo Fuoco e pensavo, "Toh, quasi quasi condivido le foto dei miei ultimi acquisti su Facebook, giusto perché nonohouncacchiodafare". 
Siccome c'era parecchia paccottiglia, invece di fare una foto di gruppo che Volemose bene, perché non scrivere un bel post Haul? Così, anche solo per ammorbarvi intrattenervi con le mie chiacchiere, disintegrare la poca credibilità che mi resta.

Ed eccoci qua, come avrò sperperato i miei money di recente?

giovedì 2 luglio 2015

[TAG] Liebster Award (ovvero, conoscere meglio i piccoli grandi blog)

Qualcuno mi dice che è arrivata l'estate.
Ciò significa che da queste parti abbiamo ufficialmente iniziato il countdown per l'Autunno!
In attesa del 23 settembre vi omaggiamo di lamentele fini a sè stesse, tentativi di rifuggire dalla luce del sole ed altre imprecazioni a caso.



Questo sarà un post TAG, di quelli chiacchiericci (qualcuno ha detto ammorbante?! Se ti becco ti faccio vedere le puntate di "Pomeriggio 5" dal 2008 ad oggi e vediamo se lo pensi ancora).
Avete presente il Liebster Award? È un riconoscimento che ha come scopo la scoperta di nuovi blog, magari piccoli, inesplorati, poco inclini a farsi spazio nel web a suon di sub4sub, like4like, spsm4spam e commentinonsense.
Ehi, sembro proprio io. Ora capisco perchè mi hanno pensata ben 3 blogger.
La prima, in ordine temporale, è stata Rocio di Eau de Rugiada, seguita dalla Folle del mi Corazon di Profumo di Follia e dalla dolcissima Principessa Ariel di Ariel Make-up.

Le regole sono semplicissime:

- ringraziare il blog che ti ha nominato (in questo caso 3, Grazie Donne!)
- rispondere alle domande
- nominare altri 10 blog (teoricamente con meno di 200 follower) e porre loro 10 domande.
- comunicare la nomina ai blog prescelti.

Con 3 nomination mi ritrovo sommersa dalle domande, per fortuna alcune sono condivise altrimenti ci sarebbero volute tipo 2 puntate, con un Liebster Tag il Ritorno/La Vendetta che stavolta SICURO avrebbe provocato una fuga di massa.
Quindi, rimbocchiamoci le maniche e partiamo dalle ultime domande dirigendoci a ritroso verso le prime che mi sono state rivolte (ve la siete cercata).

lunedì 25 maggio 2015

[Capelli] Hair Routine con "La Saponaria" Shampoo Salvia e Limone & "Biofficina Toscana" Balsamo Concentrato Attivo

Finalmente un po' di tregua.
Poco tempo fa il Sole splendeva (troppo) caldo sulle nostre teste, i pappagalli progettavano di emigrare da questa parte dell'emisfero ed io bestemmiavo Apollo sperando gli si spaccasse una ruota del carretto.
Ora, invece, l'arietta fresca e frizzante che invade questa zona di penisola risveglia la mia serenità, rianima il mio equilibro spirituale interiore ed esteriore (Altolà al sudore!)

Meteorologia a parte, vorrei attirare la vostra attenzione su questo evento inaspettato, ossia l'apparizione di un mio post dopo un silenzio stampa che non sto qui a motivarvi (per non annoiarvi) e soprattutto sul fatto che riguarderà un argomento a dir poco inedito da queste parti, ossia i Capelli.
Nella lista dei miei propositi never realizzati (Ciao Dieta, ci vediamo lunedì), i Capelli occupano una posizione di prim'ordine.
Mi ero ripromessa di dedicar loro una routine meticolosa, performante ed adeguata alle loro esigenze, prediligendo prodotti Bio e trattamenti naturali, così da ottenere risultati eccezionali da far impallidire pure gli addominali di He-Man e quella sua pseudomutanda di vero pelo di Mammut.

Questo avveniva dopo un periodo di durata imprecisata durante il quale ho messo in testa robe a caso pressapoco decenti senza alcun criterio.
E dopo queste rivelazioni che gettano disonore sulla mia reputazione da farlocblogger, passiamo a quando ho messo la testa a posto ed ho scelto di provare in combo lo shampoo Salvia e Limone de La Saponaria e il balsamo Concentrato Attivo di Biofficina Toscana.
Tra gli stringenti criteri di selezione per quest'accoppiata di prodotti, si ringrazia il sempreverde ambarabaciccicoccò per il ruolo decisivo da lui svolto nel dirimere la mia indecisione.


Prima di passare ai dettagli sulla mia esperienza d'utilizzo, urge precisare lo status attuale dei miei capelli.
Per chi ha già iniziato a sbadigliare o per chi ha assunto un'espressione alla Urlo di Munch temendo un papiro egiziano di sproloqui infarciti da flashback (che effettivamente ci sarà, non deludo mai i miei funz) mostro clemenza e vi rimando direttamente alle duerighedue di riassunto più in basso.

venerdì 17 aprile 2015

[Travel] Viaggi e vagheggi Beauty a Marrakech (Marocco)

Come avevo accennato su Facebook e su Instagram attraverso enigmatiche (?!) fotografie, il mese scorso mi sono concessa un viaggetto in Marocco di circa una settimana.
Ho poi scoperto che quest'anno il Marocco è meta alquanto gettonata: Lonely Planet ha inserito questa terra piena di colori nella sua Top 10 dei paesi da visitare nel 2015 e nelle ultime settimane ho notato esservi stato un viavai di blogger, socialite e pseudo famosi che si sono recati nelle città imperiali, tra cui Marrakech, precisamente dove sono stata io.



Ovviamente avevo prenotato da mesi, senza sapere niente di tutte queste manfrine, non sono certo una persona che segue le tendenze.
In effetti, questo viaggio mi è stato suggerito e non sarebbe stata la prima meta che avrei proposto, ma ho deciso che avrei dovuto un po' ampliare i miei limitati orizzonti e vivere qualcosa di diverso.
Ritengo di aver fatto bene, si è trattato di un'esperienza lontana da ciò a cui sono abituata. 
Si ok, non sono andata in Zimbabwe, ma personalmente è già qualcosa per una che non ha mai visitato alcun paese africano, neppure negli anni in cui in estate con amici e salumieri ci si dava tutti appuntamento a Sharm.

Siccome in giro per la rete trovate innumerevoli diari di viaggio sicuramente migliori di quello che potrei propinarvi io (non avendo neppure il dono della sintesi), ho pensato che sarebbe stato interessante incentrarsi sugli aspetti Beauty di questa mia permanenza (ci troviamo sempre in uno pseudo blog cosmetico d'altronde).

Per precisione, tuttavia, ecco qualche dato tecnico relativo al viaggio.

martedì 7 aprile 2015

[TAG] Top 5 Everyday Lipsticks

L'ultima volta che ho provato a scrivere questo post (un numero imprecisato di giorni settimane fa) con la mia innata grazia da pachiderma ho tirato via il filo del portatile dalla presa causandone l'immediato spegnimento e la perdita di tutte le chiacchiere sino ad allora digitate.
Applausi prego, comunque non vi siete persi niente di peggio delle scemenze che seguono!




A dirla tutta 'sta robetta sarebbe potuta essere online per Pasqua, ma non volevo mettermi in concorrenza con Jesus sul chi dei due risorge meglio ed a Pasquetta sono sicura che tutti sarebbero stati impegnati in qualcosa di più interessante che leggere il mio blog (arrostire robe, mangiare robe, affogare robe nell'alcol, testare a letto la nuova posizione Yoga del "4 di Bastoni", scampagnare, accompagnare, magnare... uhm questo dovrei averlo già detto).

Torniamo a noi e a questo TAG che mi ha entusiasmato dal primo momento in cui l'ho visto e che probabilmente avrei fatto anche se nessuno mi avesse nominata (segue meme Forever Alone).



Perché, Signori e Signore, quando si parla di rossetti mi entusiasmo come una che ha ricevuto in regalo un bouquet di cuccioli di Labrador (non so voi ma i cuccioli risvegliano il mio istinto materno, al momento più dei bambini coff coff, non picchiatemi).

Top 5 Everyday Lipsticks è il primo episodio (si, perchè nel frattempo è nato pure il fratello dedicato ai rossetti da sera, sono sempre sul pezzo lo sapete) del TAG ideato da duo Ciulla e Stefania di Nude Powder; contro ogni mia aspettativa qualcuno mi ha pensata (Memorandum: Cancella meme Forever Alone), ossia la Khaleesi dei Colori aka Misato di A lost Girl, che ringrazio e di cui vi invito a leggere post/blog che sono sempre acuti, professionali ed interessanti.

Superato l'entusiasmo iniziale, tuttavia, mi sono accorta di una cosa. 
Avrei dovuto fare una scelta.

mercoledì 25 febbraio 2015

[Review] Pennelli Sigma Basic Eyes Kit (Professional Brush Collection)

Dopo la pioggia arriva sempre il sole, così come dopo i miei post al limite della follia logorroica arrivano i momenti di pseudo serietà.
Per farvela breve, ecco una nuova recensione *cori di Angeli panzuti in sottofondo*.
Come al solito, questo evento è stato preceduto da un momento di meditazione spirituale in stile Stanza dello Spirito e del Tempo al contrario: in pratica, mentre qui fuori il tempo scorreva all'impazzata, io ero sicura di aver deciso di cosa parlare in un battibaleno.
Ecco spiegata l'assenza.
Ammettiamolo è geniale, dovrei scrivere un libro sulle migliori scuse per giustificare l'esiguità (eufemismo) dei post.

Sono sicura che appena vi rivelerò di cosa si tratta, quella voglia di tirarmi pomodori al napalm che vi pervade sparirà immediatamente: presentiamo su questi schermi un ospite internazionale, il Basic Eyes Kit di Sigma.


...
....
.....
Sento un silenzio colmo di significato, permettetemi di dargli voce.

Cosa ci fa un set di pennelli da $79 (s e t t a n t a n o v e d o l l a r i) sulle pagine di questa pagina poratcha che trasuda disoccupazione da tutti i pori?!
Da dove sarà mai arrivato questo oggetto alieno: Krypton? Tatooine? Seconda stella a destra?

Orbene, non voglio fingere e non fingerò di averlo acquistato con i miei averi per placare la mia smania di pennelli nuovi.
Si tratta di un regalo, un premio per l'esattezza, ottenuto tramite un concorso organizzato da Sigma e l'alquanto affascinante Emma Pickles qualche mese fa.



Sperando che dopo questa rivelazione i pomodori al napalm NON siano diventati dei cocomeri al napalm, non vi nascondo che sono felice che San Sederone ogni tanto si ricordi dei miei desideri invece di farmi soltanto ingrandire concretamente il deretano (btw. potrebbe anche essere colpa del cioccolato, ma non ne sono sicura, non ne mangio più di un kg a settimana).


Quindi, dopo aver gioito insieme per questo colpo di fortuna inaspettato e proficuo, smettiamola di dire scempiaggini e passiamo alla parte seria.

domenica 15 febbraio 2015

[Doppio TAG] 5 Buoni Propositi & Bio Wishlist 2015

Vi svelo un segreto: adoro quando qualche amicablogger pensa proprio a me dopo aver risposto ad un Tag. 
Mi sento incommensurabilmente onorata ed odio non rispondere alla loro gentile richiesta. 
Questa cosa è già successa lasciandomi carica come un mulo in Nepal di sensi di colpa, ma in quel caso si trattava di un Tag periodico natalizio che necessitava di essere svolto a breve termine e non con gli standard biblici e l'incostanza che mi caratterizzano.

Per questo oggi troviamo non uno, ma ben due TAG congestionati insieme per la vostra giUoia, così potrete avere doppia dose di Loquacità allo stato puro. Che culo, eh?!


Partiamo dal primo, ossia

"5 buoni propositi per il 2015: cose che ancora non facciamo e che dovremmo fare nella nostra beauty routine"

Già dal titolo capiamo che la sottoscritta potrebbe scriverci un trattato che avrebbe un titolo tipo il "De Pigrizia", ma cercheremo di mantenerci negli standard che le creatrici, Deirdre e le ragazze di Biancaneve Makeup, hanno previsto con le cinque categorie  (skincare viso, corpo e capelli + makeup&nails ed alimentazione) nelle quali inserire il buon proposito per l'anno nuovo.

Un dovuto ringraziamento a Sara per il Tag (avete visto come ha recentemente rinnovato con una grafica molto shabby chic il blog?!) prima di enunciare le regole del tag che sono, as usual:
citare e taggare le ideatrici del tag, (Deridre e Biancaneve Makeup), invitare gli altri partecipare e utilizzare l'hashtag "ufficiale" #propositibeauty2015 per consentire di rintracciare il vostro post.

A questo punto, nasce l'idea di integrare questo Tag con il secondo.ossia la

Bio Wishlist 2015

Avrei dovuto fare come la cara Socia e inserire il tag Wishlist bio nei Prodotti PRO(va) in quanto ho già gettato in quel turbine infernale di desideri d'acquisto tutto ciò di bio (e non bio) che non voglio lasciarmi sfuggire.

venerdì 30 gennaio 2015

[TAG] Prodotti PRO(va) 2015

Quando ho letto questo TAG, in giro sui blog che seguo e leggo sempre con piacere, l'ho trovato geniale poiché non è la solita Wishlist.
Per chi abita su Saturno e non sa di cosa parlo, questo temine anglofono indica testualmente la Lista dei Desideri, senza alcun vincolo: oltre al puro "desiderare": quindi se agognate il Martello di Thor, oppure la Spada di Grifondoro o anche il famigerato Death Note, beh... sentitevi liberi di inserirli nella vostra Wishlist e pregare i Sette Dei affinché prima o poi riusciate ad accaparrarveli.

Nei prodotti PRO(va) invece ci infiliamo tutte quelle robine che vogliamo provare ed acquistare durante l'anno, insomma quello che abbiamo in previsione di accaparrarci quasi certamente nel corso del 2015 (se poi riuscite  a recuperare anche il Death Note tanto meglio. Siamo amici vero?!)



Le categorie sono davvero tante, anzi direi che rispetto alla versione dello scorso anno sono state rimpinzate come un bambino a pranzo dalla nonna di domenica (a Napoli).
Siccome nella categoria "Ectoplasmi da catturare" potreste non aver nulla da inserire oppure avete la Containment Grid piena, non c'è da preoccuparsi, la casella può essere tranquillamente lasciata in bianco.

Il genialTag è concepito dalla mente brillante di Miki di Miki in The Pinkland ed è in collaborazione con Misato di A Lost Girl & Ariel di Ariel Make Up, ed è stata propria la principessa Ariel a Taggarmi con mio immenso piacere ed onore!

Le regole sono alquanto semplici, finirò di riassumerle prima che abbiate il tempo di dire Supercalifragilistichespiralidoso. Al contrario. 

- Citare l'ideatrice del tag (Miki di Miki in The Pink Land) e le sue collaboratrici (Misato - A Lost Girl & Ariel - Ariel Make Up)
- Rispondere alle domande, senza preoccuparsi di dover riempire tutte le categorie (può capitare di non avere curiosità per qualcosa perché si è già al completo no?)
- Citare 3 blogger che si spera vogliano condividere con noi la loro lista di prodotti pro(va)
- Usare l'hashtag #ProdottiPROva per aiutarci a trovare i vostri post!
- Se lo desiderate potete usare il banner creato da Miki!

Ed ora Keep Going, altrimenti rischiamo di festeggiare Pasqua insieme leggendo il post.

sabato 24 gennaio 2015

[Review] SO' BiO étic BB Cream Classica VS Légère (Swatch & Comparison)

Anche io vittima di quest'influenza malefica che colpisce anche i sassi, ancora non del tutto debellata.
Ecco spiegati i motivi della mia assenza in breve, nel dettaglio aggiungiamoci anche gli impegni burocratici che non si possono mai evitare a meno che non ti piaccia sentirti in colpa per la tua negligenza.
A me non piace.

Ordunque, volevo scrivere qualcosa di interessante ed ho ben pensato di puntare su un prodotto molto discusso e delle sue due varianti: trattasi della BB Cream del brand francese SO' BiO étic, sperando di fare cosa gradita alla websfera (non è vero, ce ne sono a bizzeffe di recensioni/confronti simili, ve ne avrà parlato pure la vostra Salumiera amante dell'ecobio suggestionata da certe youtuber "smarkettone").



Come sempre, troverete la mia personalissima esperienza, quella di una giovincella che va verso gli "enta" con pelle molto chiara, mista (zone secche, normali e grasse per non farci mancare nulla) nonché abbastanza sensibile e reattiva (Potere di Hulk Rosso, vieni a Me!)
Partiamo per gradi.

lunedì 5 gennaio 2015

[Beauty Bag] Mettilo alla Prova - NYC New York Color

Ci tengo a premettere che il seguente non è un post "sponsorizzato", ma nasce da una decisione spontanea di parlarvi di un portale che ho scoperto da qualche mese e con il quale ho avuto modo di avere contatti svincolati completamente dal blog.
Il portale in oggetto è Beauty Bag.

Mesi fa, tramite Social, sono venuta a conoscenza dell'esistenza di questo sito che raccoglie recensioni di cosmetici, prodotti make-up ed anche centri estetici e hair stylist scritte di proprio pugno dagli utenti.

Registrarsi è semplice ed intuitivo, così come inserire recensioni.
Il sito propone, infatti, un modulo di facile utilizzo con possibilità di inserire, oltre al testo, foto, inci ed una pratica valutazione a "stelle" delle principali caratteristiche.

Sicuramente la performante semplicità dell'interfaccia (traduzione: saprebbe usarla anche un macaco) ha subito trovato la mia approvazione, così come l'interesse ad inserire l'INCI (tema che interessa una gran fetta d'utenza) ed il ricomprendere anche centri estetici ed hair stylist (Parrucchieri Diabolici, incominciate a tremare).

Ho deciso quindi di iscrivermi ed inserire anch'io qualche review. 
Ci tenevo a dare il mio apporto alla causa, ad incentivare la diffusione di cosmetici validi e a salvare l'umanità dall'uso di cosmetici fuffa, ma nei mesi successivi a causa di alcuni impegni non sono riuscita a mantenere la stessa costanza.