giovedì 26 maggio 2016

[Swatch & First Impressions] Urban Decay "Alice Through the Looking Glass" Eyeshadow Palette

Avevo (e ho) nella mia Agenda di appuntamenti bloggereschi impolverata e piena di buoni propositi (gli stessi di cui è lastricata la strada dell'Inferno, 'nsomma) una serie di post che avrei voluto scrivere. Qualcuno iniziato e lasciato ad attendermi in un limbo da cui probabilmente sarebbe uscito a Natale.
Situazione confermata dal fatto che QUESTO post, totalmente inatteso, si è lanciato nella mischia prevaricando gli altri e balzando in cima alla lista.

Quando accadono queste cose c'è sempre un elemento esterno che scuote la mia pigrizia e/o mi fa mettere da parte gli altri impegni appena possibile, come è avvenuto per la splendida collaborazione Viva Glam o con l'esperienza romana.
In questo caso c'entra il mio partner, a cui potremo rivolgerci con lo pseudonimo de "Il Sopportatore", visto che non sono una personcina molto facile da gestire nel quotidiano o anche, per l'occasione, Il Supportatore!
Quando un'appassionata di cosmesi incontra un appassionato di collezionismo, packaging ed edizioni limitate, succede anche che quest'ultimo si lasci incantare da una Palette Urban Decay dedicata al film "Alice attraverso lo specchio" tanto da doversela accaparrare per la sua compagna.
Lei interessata sì alla confezione, ma prevalentemente agli ombretti, di cui a Lui non sarebbe fregato un picchio se fossero stati contenuti in una confezione standard.


Tante chiacchiere per dirvi che l'Uomo mi ha regalato la Palette di Alice uscita con la recente Limited Edition targata Urban Decay e mi ha suggerito di farne un post, di mostrare al mondo la sua bellezza in edizione limitata, di parlarvi diffusamente di cosa ne penso degli ombretti. 
Si tratta, sottolineo venti volte, di prime impressioni generate dal semplice "Swatchamento", non avendo ancora avuto tempo di crearvi dei look (provvederò in un futuro non troppo lontano, spero).
Non potevo esimermi, quindi, da realizzare la sua richiesta dopo cotanto Dono. Quindi eccoci qua!


» LA PALETTE: DIVAGAZIONI

La Collezione Urban Decay dedicata a Alice Through the Looking Glass, in collaborazione con Disney, è uscita a Maggio in occasione del film in arrivo nelle sale italiane il 25 maggio 2016. Si compone di una Palette e 5 rossetti ispirati al film e ai suoi personaggi.


Sono stata assai dispiaciuta (ma per nulla sorpresa) quando ho scoperto che in Italia questa collezione non sarebbe arrivata, tuttavia mi ha risollevato scoprire che in UK, invece, l'uscita era prevista, quindi avrei potuto continuare a parlarne mostrando le varie immagini e comunicati stampa.
Quella che è giunta qui in questo luogo ameno è infatti di derivazione anglosassone, precisamente via Feelunique (dove attualmente sarà sold out, visto che non riesco a trovarla) ad un prezzo che ipotizzo fosse sui 50 euro (in America 60 dollari).


La Palette contiene 20 nuove ed esclusive nuance in edizione limitata, dedicate ai protagonisti del film e posizionate in cinque colonne, una per ognuno di loro: la prima è per Alice, la seconda per il Cappellaio Matto, la terza per Mirana (la Regina Bianca), la quarta per Iracebeth (la Regina Rossa) e l'ultima per Tempo. Nella palette è incluso anche un doppio pennello.

Gli ombretti hanno diversi finish, dal matte al demi-matte, passando per perlati e satinati e addirittura metallici, colori spesso arricchiti con micro-shimmer o perlescenze duochrome.
Ve li mostrerò nel dettaglio, ma ora parliamo del bellissimo packaging che è il vero protagonista.
Già la scatola esterna è un tripudio di colore, dettagli in rilievo e decorazioni ipnotiche e psichedeliche. Idem per la palette vera e propria che ne riproduce pedissequamente la trama.



Sollevato il coperchio appare lo Specchio che conduce al Paese delle Meraviglie, con un memorandum che fa eco alle alle parole dello Stregatto, "Siamo tutti matti qui".
Pensiero che mi è molto caro, parole che chi mi conosce potrebbe sentirmi dire spesso: d'altronde, anch'io come Alice amo fuggire dalla realtà, avventurarmi nel mio personale universo alternativo costruito dalla fantasia, dai vaneggi, strutturato intorno ad immagini oniriche, di Bambole e Farfalle, dove di certo anche la Mattaria non scarseggia.
Ahimè, lo specchio ci ricorda anche che il tempo scorre, evanescente, sparendo dalle nostre dita che tentano inutilmente di trattenerlo, costringendoci a tornare alla dura realtà.
Non c'è più tempo, per Alice in particolare, che quel Mondo deve salvarlo.



Ancora, un'altra splendida frase pronunciata sempre dal Micione, che precisa di non esser strano e neppure pazzo.
"La mia realtà è semplicemente diversa dalla tua" suggerisce candidamente.
Non credo sia un caso scoprire che questa affermazione custodisce una farfalla pronta a spiccare il volo, circondata da un vortice di colori e sfumature.
Che sia davvero questo il segreto per spalancare le ali? Prendere coscienza di sé e della propria realtà, del proprio mondo interiore, unico e diverso; riuscire a strappare i fili che ci guidano all'omologazione, sollevarsi anche distanti dagli altri e dai loro macchinosi automatismi, dai loro rigidi formalismi; appollaiarsi su un ramo e osservarli dall'alto con un sorriso a mezzaluna.


Certo, scegliere di abbandonare questa realtà imposta non è opera semplice, spesso conduce alla solitudine e ciò può far paura; ciononostante, i momenti memorabili sono sempre quelli in cui si è respirata la propria realtà a pieni polmoni, senza ingabbiare la propria essenza trascorrendo istanti che si rivelano soltanto un'ipocrisia, una farsa. In realtà, ciò che fa davvero paura sono gli altri e il modo in cui essi ci vedono, in cui giudicano la nostra realtà.
Ma, nel bene o nel male, è preferibile superare con un balzo la sottile linea tra il sopravvivere e il vivere, senza macchiarsi oltremodo del torto di rinnegare se stessi, anche a costo di essere etichettati come folli, visionari, matti.


"So chi ero quando mi sono alzata stamattina, ma da allora devo essere cambiata diverse volte".
Queste sono parole di Alice e non credo sia casuale che siano scandite sul cassetto che contiene gli ombretti.
Non so voi, ma la mia personale visione della cosmetica è legata al mutamento e alla metamorfosi, al riuscire a esporre una diversa parte di sé ogni giorno.
Può sembrare assurdo detto da una persona che osa poco agli occhi altrui, ma sul tema ci sarebbe da consultare un diario interiore troppo complesso.



Tuttavia, in questi (pochi) anni in cui mi sono avvicinata al makeup, ho amato rappresentare me stessa attraverso le infinite possibilità offerte dal trucco; si è trattato (e ancora si tratta) di un traguardo personale raggiunto e poi immediatamente posto un po' più in là.
Quando interfacciarsi con la propria immagine interiore ed esteriore è difficile, anche quel "poco" diventa importante, anche solo passare del tempo ad osservarsi costantemente allo specchio con uno sguardo interessato e un pennello tra le mani. È un modo per volersi bene inestimabile.
(Eccetto quando sei in ritardo e il tuo Eyeliner decide che quel giorno devi essere la versione Panda che è in te).


E di questo ringrazio gli effluvi benefici dei colori, dei pennelli e dei cosmetici, che mi aiutano ogni giorno a cambiare diverse volte, a prendermi cura di me, lasciando emergere le mie infinite sfaccettature che forse avrei soppresso.
Molte ancora verranno, molte volte cambierò.

» GLI OMBRETTI

La palette contiene ombretti molto diversi tra loro, sia per tonalità che per finish, proprio come i personaggi che tendono a rappresentare.
Mentirei se dicessi che tutti e venti sono splendidi come appaiono in foto, pigmentati ed eccezionali. Tuttavia, nella loro complessità ho trovato molte sorprese, qualche delusione che si è tramutata in volontà di uso alternativo, perché ritengo che nessuno possa (debba) rimanere inutilizzato.




Gli swatch sono stati realizzati su una carnagione NW15 (forse il retro del braccio è anche più chiaro), su Primer Potion Urban Decay Anti Aging (un campioncino recuperato da altre palette).


~ ALICE ~


Il primo ombretto della colonna di Alice è Looking Glass, descritto come un rosa pallido demi-matte, descrizione abbastanza calzante, poichè è un rosa freddo non totalmente opaco, ma leggermente satinato e luminoso. Sul mio braccio quasi scompare e si nota solo grazie alla satinatura, la scrivenza è medio-bassa, stratificabile senza un eccessivo pay-off,


Reflection è descritto come un color pesca soft matte, anche qui ritegno la descrizione di UD abbastanza veritiera (rammentiamo la mia deficienza sul descrivere colori). È un color nude leggermente pescato, totalmente opaco, mediamente scrivente, setosa e facile da stendere.


Dormouse è un marrone caldo a base matte, con micro glitter dorati. Il primo pigmentato che scrive davvero bene con una sola passata, setoso e omogeneo; i micro "sparkle" dorati sono fini e non eccessivi su una base marrone rossastra.


Metamorphosis è l'ultimo colore dedicato ad Alice, descritto come un vibrante pervinca con micro glitter azzurri. Colore luminoso grazie ai micro glitter molto discreti. Peccato per la scrivenza medio- bassa, richiede diverse passate per raggiungere un'intensità discreta.

Da destra a sinistra: Looking Glass, Reflection, Dormouse, Metamorphosis

~ IL CAPPELLAIO MATTO ~


Hatter è descritto come un verde vibrante con micro sparkle tono su tono. Indubbiamente è più vibrante in cialda che in swatch, per questo lo trovo abbastanza deludente non essendo assai scrivente né omogeneo e poiché necessita di diverse passate; la base resta quasi opaca, carini gli sbrillini verdini, ma peccato per la pigmentazione che necessiterebbe di una base per emergere.


Gone Mad, color melanzana con iridescenze rosa. Tuttavia non ho riscontrato un'ottima pigmentazione e omogeneità, nonostante sia un colore che trovo molto accattivante e sarei curiosa di provare per uno smokey non troppo cupo, ma temo sarà necessaria una base.


Paradox, arancione vibrante con perlescenza dorata. Questo è WOW, un colore davvero meraviglioso e davvero vibrante sia in cialda e ancor meglio in swatch (a differenza di Hatter). Setoso, omogeneo, quasi cremoso e scrivente. Mi è venuta l'intenzione di compararlo a Clementine di Nabla appena riesco, indubbiamente una tonalità strepitosa, più che perlescente, la definirei quasi cromata.


Infine Cake, un rosa fucsia freddo con micro-shimmer argento. Altro colore molto bello e luminoso, scrivenza media e texture sfumabile, con splendidi riflessi argentei che, vista la base, tendono a dare un'iridescenza azzurra.

Da destra a sinistra: Hatter, Gone Mad, Paradox, Cake.
Da sinistra a destra: Looking Glass, Reflection, Dormouse, Metamorphosis, Hatter, Gone Mad, Paradox, Cake.

~ MIRANA ~


I quattro della Regina Bianca si aprono con Lily, rosa opale perlato. Media pigmentazione, leggermente polveroso, riflessi madreperlati (anche qui necessario confronto con Madreperla di Nabla), colore delicato (anche se si nota poco sul mio braccio cadaverico) con un tocco frost; necessarie più passate per ottenere un colore omogeneo e luminoso.


Duchess è un color pesca, caldo, con variazione rosata e micro glitter. A differenza di Reflection, che manteneva una base più opaca, questa nuance assume splendidi riflessi madreperlati che smorzano l'apparenza "marrone" della cialda, assumendo un tono delicato e particolare. Media pigmentazione, appare facile da applicare.


Kingdom è descritto come un copper-bronze, un bronzo-rame dal finish pearl. Credo si avvicini più a un marroncino rosato, leggermente frost. È meraviglioso, pigmentato, luminoso, con un'elevata scrivenza e un'elegante luminosità dorata che attenua il "marronazzo" facendomelo preferire a Dormouse.


Chessboard è un marrone medio matte con sottotono caldo. Buona consistenza, soffice e omogenea, utile per sfumature e di cui temo l'effetto sulla sottoscritta poiché appare un po' troppo caldino.

Da destra a sinistra: Lily, Duchess, Kingdom, Chessboard.
Da sinistra a destra: Lily, Duchess, Kingdom, Chessboard.

~ IRACEBETH ~


Heads Will Roll è un turchese bright con micro-sparkle dorati su un finish matte. Un colore davvero vibrante, ma mediamente pigmentato (necessarie diverse passate e forse una buona base), con micro glitter dorati non eccessivi che mi portano subito alla mente i raggi del sole che si specchiano sulla superficie del mare in movimento. Sicuramente non le teste che rotolano (si, lo so che è proabilmente ispirato a quello che la Regina ha sugli occhi).


Bandersnatch è descritto come un profondo teal matte. Secondo me teal non è la definizione esatta, è un blu profondo, forse più sul navy (la mia incapacità cromatica mi impedisce di prendere posizione). Non scrive così bene come appare in cialda sfortunatamente, richiede diverse passate, e non è molto omogeneo, ergo probabilmente dovrei usare una base che ne accentui la pigmentazione e pregare i Sette Dei che anche la sua resa riesca a sorprender assieme a quella dei fratelli più deludenti.


Salazen Grum è descritto come un cremisi metallico. AMO! È eccezionale e ne sono innamorata. Un colore davvero splendido, molto pigmentato, con un accattivante effetto metallico (anche qui urge comparison) che spero davvero renda altrettanto su palpebra. Si stende benissimo e ha una consistenza cremosa e vellutata che ti vien voglia di spalmarlo ovunque.


Royal Flush è descritto come un beige pallido shimmer. Appare un colore molto luminoso e iridescente, a tratti metallico, con una buona pigmentazione, ma una texture non facilmente gestibile.

Da destra a sinistra: Heads will roll, Bandersnatch, Salazen Grum, Royal Flush.

~ TEMPO ~


Tempo si apre con un ombretto che pota il suo nome, Time, un satin black-navy con micro glitter soft e iridescenti. Indubbiamente questi ultimi conferiscono a Time un'apparenza bluastra. Colore che mi piace molto, pigmentato, scrivente e vellutato.


Dream On viola-argento metallico, anche detto "Dilusione di Diludendo". Quando avevo visto il colore in cialda avevo strabuzzato i miei miopi occhi: una base argentea violacea in cui navigano glitter scintillanti. Peccato che dopo averci tuffato il dito, pregustando un colore di pura pornografia cosmetica, sul polpastrello è rimasta solo una pallidissima scia malva cosparsa di qualche glitter. Essenzialmente un ombretto troppo sheer per essere usato da solo, avevo ipotizzato un utilizzo come top coat su altri ombretti, ma i glitter sono un abbastanza grossi e se la base non ha una buona tenuta già intravedo un generoso fall-out in puro stile Jingle Bells.


Chronosphere, un bronzo mutevole, profondo e metallico, è per fortuna è tutt'altra storia, momento di parziale recupero della fiducia cosmetica in Urban Decay. Texture burrosa, che scrive e scorre con facilità, splendido effetto metallico e pigmentazione eccezionale.


Mirror, infine, è un satin grigio-taupe abbastanza scuro, risponde alla descrizione e alle aspettative, con una media pigmentazione e una texture piacevole anche se un po' polverosa, tuttavia abbastanza omogenea.

Da destra a sinistra: Time, Dream On, Chronosphere, Mirror
Da sinistra a destra: Heads will roll, Bandersnatch, Salazen Grum, Royal Flush, Time, Dream On, Chronosphere, Mirror

» CONCLUSIONI

Esteticamente, questa palette è un'opera d'arte, curata in ogni dettaglio, decorata con minuzia redendo omaggio alla fiaba di Lewis Caroll e alla sua trasposizione cinematografica. Indubbiamente un gioiellino dal packaging unico.
Non posso spendere parole di altrettanto elogio agli ombretti, non per tutti almeno: tuttavia, da un brand come Urban Decay non ci si aspetta un tale sfigurare per alcune tonalità, che appaio davvero poco scriventi, difficili da gestire e da lavorare, poco omogenee.
Non ho ancora messo in pratica "on eye" la loro resa e confido di farlo prossimamente, dopo aver superato lo shock "Touch the Palette" (avrei voluto conservarla intonsa per l'eternità, ma non si fa) posso anche darmi alla sperimentazione folle.


Ringrazio, come sempre, chi ha avuto la pazienza e la costanza di arrivare fino in fondo, sbirciando Attraverso lo Specchio, avvicinandosi un po' di più alla Follia, alla scoperta di una realtà diversa o, magari, affine.

33 commenti:

  1. packaging unico e meraviglioso!!!!io ho sempre amato Alice fin da bambina..ma se gli ombretti non sono tutti validi lascio stare e magari mi prendo giusto un rossettino l'oreal uscito per il film :)

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ci sono dei validi e dei meno validi, almeno dallo swatch :) poi magari in applicazione riesco a cambiare idea, devo darmi da fare e sperimentare!

      Ora che i rossetti l'Oréal cominciano ad essere in sconto sono già più abbordabili, nonostante a me non siano piaciuti per nulla, lo ammetto, né per il packaging un po' sommario nè per le tonalità scelte. Ma ci vuole tanto a creare una cosa fatta bene XD buh

      Elimina
  2. Ma quanto è bello questo packaging???? È curatissimo nei dettagli come è curato il tuo modo di descriverlo insieme agli ombretti *_*
    Già amo Dormouse sappilo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che pensavo che proprio gli ombretti maggiormente validi e scriventi sono quelli proprio nelle tue corde?! XD è un segno!
      Il packaging è una vera favola

      Elimina
  3. Ho davvero troppi ombretti coloratissimi per prenderne altri,vista anche l'età che avanza etc etc,ma questa mette davvero a dura prova i miei buoni propositi!!!!
    Un applauso all'uomo che fa questi bei regali!!!!
    Fra i vari post in coda,ce n'è uno che aspetto con particolare trepidazione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci fosse stato Lui io non mi sarei arrischiata nell'acquisto lo ammetto XD ma a Palette Donata non si guarda in bocca!

      Su quel post da te atteso (e da me pure) ci dovrà essere un bel lavoro di ideazione e realizzazione, spero di farcela, ma prima o poi vedrà la luce (o il lato oscuro?).

      Elimina
    2. Quale sìa il lato che sceglierai,sono sicura che verrà fuori benissimo!!!! <3

      Elimina
  4. Ombretti a parte, credo che stamperò il tuo post e me lo appenderò in camera, almeno la prima parte sull'essere sé stessi e non farsi condizionare dagli altri :) Dovremmo tutti prendere esempio dallo Stregatto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel Gattone è indubbiamente assai saggio nel suo essere criptico e inquietante. Adoro le sfaccettature della sua personalità così come quelle degli abitanti del Paese delle Meraviglie, in cui si nasconde sempre un po' di ognuno di noi :D
      Sono felicissima per il post ti sia piaciuto <3

      Elimina
  5. Questo post è meraviglioso, mi piace tantissimo il modo in cui interpreti il makeup. La tua non è vanità fine a sé stessa, non cerchi la moda o il bello perché lo fanno gli altri. La tua è una ricerca, vuoi sorprenderti ogni giorno, giocare ogni volta con una diversa sfumatura della tua bellezza e del tuo umore, dar loro la forma giusta. E' una vera e propria arte da interpretare. E' la vera femminilità, secondo me.

    Ammetto che, pur non usando mai gli ombretti, probabilmente sarei caduta pure io nel trappolone della palette, che è veramente spettacolare. Almeno parlando del packaging. E diciamolo pure: ucciderei per avere uno specchio con su scritto we're all mad here. Potrebbe essere un'idea, chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mi lusinghi più di quanto io meriti e mi commuovi alquanto, ti ringrazio infinitamente.
      Il tuo pensiero così meravigliosamente scritto racchiude davvero quel che io penso della cosmesi, dell'arte del makeup. Sono ancora piccola piccola di fronte alle innumerevoli potenzialità della scoperta di sè, ma devo ammettere che riesco a divertirmi quando succede e questo è un dono.

      Non so quanti di questi ombretti riuscirò sicuramente a sfruttare XD però quando ho aperto questo cofanetto ho zompettato come il Bianconiglio.
      L'idea di uno specchio, magari dimensione extra large, con la scritta We're all Mad here è una cosa che dobbiamo trovare/creare assolutamente *____*

      Elimina
    2. Mamma mia sì! Deve essere bellissimo uno specchio del genere! *O*

      Elimina
  6. Non fatico a credere che questo packaging abbia stregato anche il tuo Lui. Io stessa ne sono rimasta estasiata. Trovo che una confezione del genere sia molto evocativa del nome del tuo blog e del significato che gli è posto. Dovevi averla.
    Per quanto riguarda gli ombretti, non mi entusiasmano molto, i colori più interessanti non risultano molto scriventi...un vero peccato questo divario :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui con il packaging si sono davvero dati da fare, quando parlavamo di direttore creativo, ecco, stavolta si. Sono felice di averla, anche se tira fuori la parte più "Pippone infinito" di me medesima XD

      Molta molta tristezza per gli ombretti -.- spero di riuscire a farli funzionare in qualche modo, altrimenti vieni e falli funzionare tu che su questo sei eccezionale :D

      Elimina
  7. il package è strepitoso ed i colori sembrano anche molto scriventi =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni colori più, altri meno, ma non mi voglio far frenare da ciò e spero di riuscire a crearci qualcosa di decente :D ma so già che inizierò da quelli più scriventi e che, stranamente, sono anche quelli meno estrosi >_<

      Elimina
  8. Such a beautiful and detailed review. Beautiful presentation! The packaging is really cute. Would you like to follow each other on GFC? Please let me know in a comment on my blog and I'll follow you back.
    xox
    Lenya
    FashionDreams&Lifestyle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks o much :D so glad it has been appreciated!
      I will check your blog for sure (I always did when I get comments :D).
      xoxo

      Elimina
  9. Questo post mi è piaciuto tantissimo. Comincio in questa maniera così banale ma molto vera, ti assicuro. Mi è piaciuta moltissimo la tua "divagazione" sul mondo dell'irreale, sulla "lotta" per affermare la propria individualità e personalità. Mi trovi d'accordo sul fatto, che spesso, affermare se stessi porta anche alla solitudine. Solitudine che io personalmente ho sempre amato. Soprattutto se messa a confronto con le finte facciate o con il doversi adeguare a diversi stereotipi per non essere giudicati male. Che poi, ti giudicano tanto lo stesso, quindi un sonoro sti cazzi e via :) Detto questo, passando alla palette. Effettivamente l'uomo amante delle limited edition da parecchie soddisfazioni :) anche il mio è leggermente fissato e più la cosa è difficile da trovare, più si diverte a comprarmela. Idem per me. Io ho la prima palette UD dedicata al primo Alice, e anche in quel caso, il packaging era qualcosa di strepitoso. Questa la trovo ancora più raffinata e sognante. La cura dei dettagli e le citazioni, mi hanno conquistata. I colori devo ammettere un po' meno. Possiedo già due book of shadow e purtroppo le ho sfruttate poco, per via della qualità così così di alcuni ombretti e anche per la scarsa maneggevolezza nel portarla in giro o conservarla. Dato che non è uscita in Italia (chissà come mai...non capita praticamente mai...ehm...terzo mondo cosmetico coff coff) non mi dannerò l'anima per trovarla. Sono però tanto curiosa di vederla all'opera :) quindi... vedi tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Banale o meno, a me lascia sempre un largo sorriso sul viso (che è già largo di suo ma.. dettagli). Quindi ti ringrazio di cuore per questo splendido commento che ho letto con piacere immenso e sorridendo di continuo.

      Sono felice che non siano risultate riflessioni pesanti o difficili da affrontare in un post che sembra parlare di tutt'altro (sono logorroica e ne avevo timore, non te lo nascondo, mi sono arrovellata sino all'ultimo momento).

      Anch'io alla fine ho finito per apprezzare la solitudine, più ricca della vuota compagnia, ma ammetto che (ho una memoria molto precisa) è stato difficile soprattutto quando ero una bambina che non riusciva a capire e a capacitarsi di certe dinamiche. Ancora oggi quella bambina ne rimane stupita, non te lo nascondo, ma riesce ad affrontare la situazione con spirito diverso, ha capito di non essere il problema, che non è lei quella "strana", casomai è quella "speciale".

      Non sapevo che condividiamo l'Uomo Limited Lover XD ma che bella scoperta! Avrai sicuramente colto il background dietro questo post al meglio. L'uomo si struggeva per aver perduto la precedente, questa doveva accaparrarsela e, anche se non mi ha soddisfatto al massimo per quanto riguarda i colori, è di una bellezza disarmante nel packaging ed è solo quello che mi fa chiudere un occhio. In sostanza, sono felice, osservarla mi rincuora v__v potere del packaging.
      A quanto pare però, visto che menzioni le Book of Shadows, UD non è nuova a questi scherzetti sugli ombretti non tutti all'altezza.
      Mi darò da fare per crearci qualcosa, anche solo per sperimentare fallimenti, ma lo farò :D promesso!
      Ancora grazie per essere arrivata sino in fondo e oltre <3

      Elimina
  10. Ciao, ti ho invitato a partecipare ad un tag ;) passa per il mio blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite :D ne sono onorata, passerò con piacere!

      Elimina
  11. il packaging...è unico. Adattissima a te visto il post che le hai dedicato,bellissimo.
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Grazie Chiara! Infinitamente.

      Mai come stavolta il packaging è stato davvero "inspiring"
      Sono felice di come i cosmetici possono risvegliare la mostra parte migliore, ancora qui mi viene in mente l'iniziativa Viva Glam.

      Elimina
  12. Molto bella esteticamente questa palette ma diciamo che la gamma di colori mi ha un po deluso..,.potevano osare un pò di piu quelli di UD.
    Inoltre a parer mio è un pò troppo ingombrante con quella farfalla...insomma non è di certo una palette da portare in viaggio.
    Resta il fatto che però l'idea non è male...ma in italia si sà se esce?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potevano assolutamente osare di più. Indubbiamente non è una palette da portare in giro, non voglio arrivare a dire che sia un bel soprammobile ma indubbiamente è un oggetto tanto affascinante quanto poco pratico.
      Per fortuna alcuni ombretti sembrano davvero validi.
      Immagino che in Italia possiamo sognarcela ;(

      Elimina
  13. Questo post è PORNOGRAFIA COSMETICA allo stato puro! Mamma mia non pensavo che fosse così bello il pack, mai visto una cosa del genere <3
    Diciamo che per quanto riguarda la scelta dei colori (visto il pack) mi aspettavo nuance più eccessive e particolari. I duochrome sono molto carini, ma a dir il vero niente per cui strapparsi i capelli... peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono lusingata <3 Pensavo che non sarei mai riuscita a coglierne in foto la bellezza, nonostante abbia fatto tipo contorsionismo per provarci XD
      Assolutamente d'accordo con te per quanto riguarda la scelta dei colori e la possibilità di osare e puntare a qualcosa di davvero unico. Anche perché davvero i colori più particolari sono i più deludenti x__x WTF

      Elimina
  14. La meraviglia!E' bella lei, sono belli i colori, sono belle le scritte in dorato! Tutto davvero molto bello per non parlare della farfalla! Mi sono piaciuti anche i colori molto differenti tra loro. Con quelli hai veramente la possibilità di farci qualsiasi cosa! Ottimo acquisto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedo scusa per il vergognoso ritardo nella risposta.
      Anche io la trovo molto versatile e in effetti ha molti colori che non sono abituata ad usare :D spero che serva a spronare la mia fantasia!

      Elimina
  15. Questa palette è un sogno!!! Meravigliosa,peccato per la resa degli ombretti! In ogni caso un pezzo da collezione. Standing ovation per il Sopportatore XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disonore su di me per aver risposto così tardi!

      Ho visto una review di Goss su YT secondo il quale la resa è comunque soddisfacente XD se lo pensa lui... magari meglio che faccia qualche pastrocchio per vedere se ha ragione ;D

      Il Sopportatore, come farei senza di lui XD

      Elimina
  16. caspita, i colori sono super pigmentati. Solo che io sono più affezionata ai colori nude o tendenti al rossiccio quindi quel blu non potrei mai utilizzarlo. https://diamondandfashion.wordpress.com/

    RispondiElimina